I NOSTRI VIAGGI 921 diari 772.088 chilometri 10.296 giorni di esperienza

IL LEGNO E LA PLASTICA. GIAPPONE 2018

2018

Visite diario: 194

Scritto da Davide Manavella Mercoledi, 12 Settembre 2018
Ultimo Aggiornamento: Lunedi, 24 Settembre 2018

Un viaggio nel paese del Sol Levante. Partenza da Yokohama destinazione Kyoto per poi proseguire sull'isola dello Shikoku ed infine pedalalre nella meravigliosa cornice della Shimanami Kaido.

DATI
Partenza Agosto 2018 Giorni pedalati 12
Km. pedalati 800 Viaggio in solitaria NO
Sterrato 0% Presenza di bambini NO
Dislivello 1000-3000 Pedalato in
Stati interessati Sistemazioni utilizzate
Non Soci Antonella
Soci partecipanti
PERCORSO
MAP-GPX TRACK-GPX
TRACCE GPX
Titolo Scarica
Shinamani Kaido
Odawara - Fuji
Fujii - Kakegawa
kakegawa Irago
Toba - Tsu
Kyoto - Kobe
Tsu - Kyoto
Takamatsu - Shikokuchuo
- Imabari - Onomichi
Shikokuchuo - Imabari
Yokohama - Odawara
DIARIO

Legno e plastica. Quanto viaggio lo si può riassumere così. Il legno del Giappone classico, dei templi e delle case tradizionali nelle zone rurali, poi l'altro volto, la plastica delle grandi moderne città e delle loro luci. Due mondi che convivono in un equilibrio che solo questo paese ed i suoi abitanti possono mantenere in maniera perfetta.

Siamo arrivato in Giappone la sera del 12/08 con un volo Turkysh Airlines. La prima notte l'abbiamo passata a Narita, il giorno dopo carichiamo i bagagli in treno e arriviamo a Yokohama dove montiamo le bici.

Image title


Il nostro viaggio è partito da Yokohama, un'immensa città satellite di Tokyo. L'itineriario, per la prima parte fino a Kyoto, ha seguito più o meno sempre la strada n. 1, ovvero la Tokay-do. Questa strada in epoca passata collegava la capitale Kyoto con Edo (l'attuale Tokyo). In un paese con molti rilievi come il Giappone questa strada  rappresenta  une delle poche possibilità di evitare lunghe salite (più o meno).

Image title

Image title

Image title


Per evitare la trafficata e poco attraente zona metropolitana di Nagoya puntiamo verso Capo Irago, una zona rurale bellissima. Il giorno dopo con il traghetto arriviamo a Toba e da li poi abbiamo raggiunto Kyoto.

Image title


Dopo tre giorni immersi nelle meraviglie di Kyoto riprendiamo le bici e raggiungiamo Kobe dove, dopo aver aspettato il passaggio di un tifone, abbiamo preso un traghetto per l'isola della Shikoku. 

Image title


Due giorni di pedalate e percorriamo tutta la costa nord di questa grossa isola. A volte intersechiamo anche il percorso del pellegrinaggio Henro,  con i suoi 88 templi buddisti. Meraviglioso.

Image title


L'ultimo giorno di pedalata ci riporta sull'isola principale del Giappone mediante il percorso ciclabile della Shinamani Kaido, il quale unisce Imabari e Onomichi.

Ci vorrebbero mille pagine per descrivere la bellezza dei luoghi, della ciclabile, gli odori e i sapori di queste sei meravigliose isole che si attraversano. Merita il viaggio.

Image title


Image title

Image title


In conclusione rientriamo a Yokohama con il treno Shinkansen e , dopo aver nuovamente imballato le bici, trascorriamo gli ultimi tre giorni a vistare Tokyo.

E' stato un viaggio bellissimo, a contatto con un popolo dall'elevato spirito civico e da una non comune educazione. Un paese dai mille volti che passa dai silenzi dello Shikoku al chiasso del quartiere Akihabara di Tokyo.

Info utili:

Lingua: Fuori dai centri turistici nessuno, e ripeto nessuno, parla inglese. Ma comunque ci si riesce a capire.

Strade: Si guida a sinistra. I giapponesi sono rispettosi del ciclista e paiono non aver clacson sulle loro auto! Ogni strada urbana ha un marcapiede misto pedonale e ciclabile dove si può pedalare. Nelle strade extraurbane invece l'educazione civica dei giapponesi permette di pedalare tranquilli. I cartelli sono sempre scritti anche con l'alfabeto latino.

Sicurezza: Totale. Commovente per noi italiani. Abbiamo sempre lasciato le bici fuori dagli hotel legate con ridicole catene. Il Giappone è uno dei paesi più sicuri del mondo.

Acqua e Cibo: L'acqua è sempre potabile. Inoltre ogni chilometro, sempre dietro l'angolo... OVUNQUE  si trovano dei distributori automatici di bevande (1/2 litro 0,80 €). Sempre molto diffusi (uno ogni 5/6 kilometri nelle strade più grandi) sono i combini (7eleven, Lawson, Familymart), ovvero piccoli supermercati aperti h 24 con bancomat internazionale, wc, wi fi e cibo. Un porto sicuro per ogni cicloturista. In alternativa in ogni templio (buddista o shintoista che sia) è possibile trovare wc con acqua potabile.

Costi: A parte il  trasporto aereo, dormire e mangiare in Giappone E' CONVENIENTE. Un rapporto qualità prezzo così difficilmente lo si trova in Europa. L'unica cosa cara sono i trasporti; treni e metropolitane sono effettivamente molto più cari (e anche più efficienti) che da noi. 

WI FI: In ogni combini è presente il wifi, così come in ogni struttura alberghiera di qualsiasi tipo. Per sicurezza ho noleggiato un dispositivo wifi ma sinceramente non lo consiglio. Il WiFI è ovunque.

Clima: Ad agosto fa caldo. Tanto. Soprattuto nelle zone urbane. Verso le ore 13 la temperatura minima incontrata è stata di 36 ° (max 42°). Per ovviare a ciò partivamo all'alba che nel mese di Agosto è alle 04.30 (tramonto alle 18.30). Abbiamo preso un giorno di pioggia, abbondante quanto basta e, per fortuna, quando  un tifone è passato sopra Kobe eravamo tranquillamente  a nanna in Hotel. Questi sono fenomeni intensi e brevi ma è meglio stare attenti.




COMMENTI

marty vincenzi
Scritto il 26 Settembre 2018
Fantastico!!!!!!

LASCIA QUI UN COMMENTO

INVIA
LOGIN SITO SOCI AIIC LOGIN FORUM FILTRI
CERCA PER PAROLA CHIAVE
GO
FILTRA PER ANNO
FILTRA PER NAZIONE
FILTRA PER TIPOLOGIA
DIARI RECENTI
a Genova 09 Novembre 2018 Scritto da Ermanno Mombelli
Nella panza della Franza - Fino a Parigi dalla figlia... 09 Ottobre 2018 Scritto da Andrea Agostini
Washington D.C. to San Diego by bike 08 Ottobre 2018 Scritto da Ettore Daniele La Barbera
MAPPA

Clicca sulla mappa per conoscere i nostri soci
LEGENDA
Viaggi in solitaria Bambini appresso Viaggio in pianura Viaggio con saliscendi Viaggio in montagna Campeggio libero Campeggio organizzato Ospitalità Camera in struttura
0-1000 1000-3000 3000-5000 5000-10000 10000+ 0% sterrato 25% sterrato 50% sterrato 75% sterrato 100% sterrato