Le buone pratiche: l’uso del casco

  /  Medicina e cicloviaggio   /  Le buone pratiche: l’uso del casco

Le buone pratiche: l’uso del casco

DOBBIAMO USARE (SEMPRE) IL CASCO DURANTE UN VIAGGIO IN BICI?

di Alberto Vaona – Medico e cicloviaggiatore

 

Ma usare il casco serve veramente a qualcosa o è una precauzione inutile o una moda? Non sarebbe più bello sentire l’aria tra i capelli? In fin dei conti chi viaggia in bici non guida una moto e ama la lentezza… Chi di noi cicloviaggiatori non si è mai posto queste domande? Il casco costa, è ingombrante e in fin dei conti fa un po’ “bravo bambino”, cosa che ai cicloviaggiatori, sempre un po’ libertari, non è detto che piaccia molto.

Non tutti sanno che la letteratura medica si è occupata non poco dell’argomento. Questo breve articolo si propone di riassumere rapidamente le conoscenze in materia.

 

COSA ABBIAMO FATTO PER RISPONDERE ALLA DOMANDA DEL TITOLO

Prima di esporre i dati della letteratura, va fatta una premessa di metodo: esistono alcuni studi, detti revisioni sistematiche, in cui i ricercatori si occupano di reperire tutti gli studi su un argomento e, attraverso una metodica statistica che si chiama “meta-analisi”, combinano i risultati per avere dei risultati cumulativi molto più affidabili di quelli dei singoli studi: questi studi sono considerati oggi gli studi che forniscono risposte più affidabili a domande come la nostra.

Quello che abbiamo fatto è stato cercare questi studi tramite una particolare strategia di ricerca bibliografica in MedLine il più grande motore di ricerca di studi in ambito biomedico e analizzare in maniera critica i loro risultati. 

 

COSA ABBIAMO TROVATO?

Una rapida ma efficace ricerca di revisioni sistematiche ha consentito di reperirne quattro. La tabella che segue ne riassume sinteticamente i risultati:

 

Studio 

(nome primo autore)

Anno di pubblicazione Numero di studi che sono stati combinati Riduzione, in caso di incidente, del rischio di *
Morte Trauma cerebrale Trauma

cranico

grave

Trauma cranico Trauma facciale
Fitzpatrick 2018 9 non 

riportato

non 

riportato

non 

riportato

non 

riportato

31%
Høye  2018 55 34% 47% 66% 48% non riportato
Olivier 2017 40 65% non 

riportato

69% 51% 33%
Attewell  2001 non 

riportato

non 

riportato

47% non 

riportato

68% 73%

 

Come appare evidente dalla lettura della tabella gli studi disponibili sono per lo più molto recenti (si considerano generalmente recenti gli studi pubblicati nei 5 anni precedenti). 

Il lettore attento avrà notato come i risultati di tutti gli studi siamo ampiamente a favore dell’utilizzo del casco e come in particolare il rischio di morte o di lesioni gravi in caso di incidente sia drammaticamente ridotto in chi indossa il casco rispetto in chi non lo indossa. 

Chi si occupa di studiare la “magnitudo” dell’efficacia dei provvedimenti sanitari (terapie farmacologiche o non farmacologiche, interventi di prevenzione) sa bene che queste dimensioni dell’effetto sono davvero rare: in altre parole si può affermare che l’utilizzo del casco – per quanto noto – sembra avere un effetto così potente nel ridurre il rischio di morte o danni gravi, se si verifica un incidente, da essere raro.

Lo studio Høye aggiunge anchi alcuni altri dati di interesse: il casco è più efficace se si è assunto alcool, oppure in situazioni di incidente senza collisione con veicoli a motore (caduta accidentale dovuta al terreno sdrucciolevole o ghiacciato) piuttosto che per collusione con veicoli a motore. Non c’è differenza di efficacia tra adulti e bambini (a significare che il casco è altrettanto efficace nei bambini).

 

LIMITI DEI RISULTATI REPERITI

Il lettore attento si potrebbe chiedere come mai studi di impostazione simile arrivino a risultati quantitativamente diversi. La risposta sta nel fatto che gruppi di ricerca diversi decidono spesso di adottare diversi criteri di inclusione in analisi degli studi. 

Un limite di metodo delle revisioni sistematiche disponibili in letteratura sta nel fatto che non prendono in esame studi di intervento (studi in cui un gruppo di ciclisti viene casualmente assegnato all’utilizzo del casco e un altro gruppo al suo non utilizzo e poi si seguono i due gruppi per vedere cosa succede e confrontarli) ma studi osservazionali (studi in cui si prendono ciclisti che arrivano in pronto soccorso dopo un incidente e si raccoglie il dato “utilizzo del casco” o “non utilizzo del casco” e si confrontano i due gruppi)**. Questo non consente di essere del tutto certi dei risultati anche se sono certamente i migliori attualmente disponibili. 

 

CONCLUSIONE

Tutti gli studi trovati, ovvero le migliori conoscenze che abbiamo, raccomandano fortemente l’utilizzo del casco. Una delle revisioni reperite fornisce dati che consentono di raccomandare l’utilizzo del casco anche nei bambini. Le prospettive per la ricerca futura sono quelle di stabilire quali sono le caratteristiche tecniche del casco che lo rendono più efficace. La prospettiva per la pratica di noi cicloturisti è quella di indossare sempre e comunque il casco durante i nostri viaggi al fine non solo di evitare di avere fastidiose seccature da risolvere on the road e proteggere la nostra salute, ma anche e soprattutto di preservare le nostre vite in caso di incidente. Non dimentichiamo mai: il casco si toglie SOLO DOPO essere smontati dalla bicicletta!  

 

* Gli studi riportano una unità di misura che non sarebbe completamente corretto rendere come “riduzione del rischio”, ma ai fini di un articolo divulgativo come questo, l’autore lo considera una approssimazione” accettabile.

** Questo fatto introduce nelle ricerche un limite importante perché una parte dell’effetto favorevole all’utilizzo del casco potrebbe essere dovuto al fatto che chi indossa il casco forse potrebbe essere di per sé più portato alla prudenza e quindi incorrere in incidenti meno gravi.

 

 

BIBLIOGRAFIA

  1. Høye A. Bicycle helmets – To wear or not to wear? A meta-analyses of the effects of bicycle helmets on injuries. Accid Anal Prev. 2018 Aug;117:85-97.
  2. Fitzpatrick DG, Goh M, Howlett DC, Williams M. Bicycle helmets are protective against facial injuries, including facial fractures: a meta-analysis. Int J Oral Maxillofac Surg. 2018 Sep;47(9):1121-1125
  3. Olivier J, Creighton P. Bicycle injuries and helmet use: a systematic review and meta-analysis. Int J Epidemiol. 2017 Feb 1;46(1):372
  4. Attewell RG, Glase K, McFadden M. Bicycle helmet efficacy: a meta-analysis. Accid Anal Prev. 2001 May;33(3):345-52
Commenti
  • Emanuele Bena
    3 Novembre 2021

    Trovo che il casco dia anche un buon isolamento termico contro l’irraggiamento solare estivo.

    reply
Commenta