Manubrio ammortizzato

Portapacchi, carrello, illuminazione, cavalletti...
Rispondi
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

Sulle mie bici non uso forche ammortizzate perché le trovo pesanti e abbastanza inutili per i percorsi che faccio in viaggio. Certo però che soffro un po' quando la domenica vado per sentieri con gli amici. Quindi più di una volta ho pensato di comprarmi una bella biammortizzata.... però, l'età avanza e non sono più tanto elastico da permettermi di sfidare la sorte in una discesa acciottolata. Insomma, non sono mica tanto sicuro che sfrutterei appieno i vantaggi della biammortizzata, anche il costo poi non è marginale e soprattutto la voglia di sperimentare ha sempre il sopravvento. Fatta questa premessa un po' sgangherata, ecco qua l'idea: trasformare una buona bici rigida in una quasi biamortizzata usando cannotto e manubrio ammortizzati. Il cannotto ammortizzato esiste da tempo, ce ne sono anche diversi esemplari tra cui scegliere e già li uso (ne ho due diversi). Il manubrio ammortizzato invece è ancora un prodotto di nicchia. Qualcuno di noi lo ha mai provato? oppure lo ha visto usare agli amici? La RedShift ne ha uno e ne parlano bene, ma mi sembra adatto ad assorbire solo piccole vibrazioni su asfalto. Secondo me per i percorsi misti c'è bisogno di altro. Qualche idea?
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
lumaca
Utente Lev1
Utente Lev1
Messaggi: 82
Iscritto il: 21 lug 2015, 6:41

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da lumaca »

Si, per lo sconnesso c'è bisogno di altro. Estremizzando: il telaio ed il ciclista su strada sconnessa continuano diritti senza oscillazioni e le sospensioni si occupano di compensare la posizione della ruota che continua ad aderire al terreno. Questo con canotto e manubrio ammortizzato non è fisicamente possibile (le due ruote tra loro hanno sempre una posizione relativa fissa in quanto vincolate dal telaio rigido). Comunque interessante. Il manubrio ammortizzato non lo avevo mai sentito. Mi piacerebbe sapere se regala un po' di comfort in certe situazioni
Avatar utente
ciquta
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 701
Iscritto il: 21 giu 2015, 18:28

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da ciquta »

Marcello ha scritto: 29 nov 2020, 18:11La RedShift ne ha uno e ne parlano bene, ma mi sembra adatto ad assorbire solo piccole vibrazioni su asfalto. Secondo me per i percorsi misti c'è bisogno di altro. Qualche idea?
lo stem ammortizzato RedShift costicchia ed è pesantino... però ne parlano bene, usando quello e magari un reggisella dropper e riduci parecchio le vibrazioni

a me personalmente quei marchingegni non piacciono molto, io ho risolto con forcella in carbonio e reggisella titanio... entrambi ammortizzano bene, riducono il peso e non vanno manutenzionati
miles
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 161
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da miles »

Marcello ha scritto: ↑29 nov 2020, 18:11
La RedShift ne ha uno e ne parlano bene, ma mi sembra adatto ad assorbire solo piccole vibrazioni su asfalto. Secondo me per i percorsi misti c'è bisogno di altro. Qualche idea?
Marcello io ho quello della Redshift:se lo usi fuoristrada in assetto mob (discese impegnative)non ammortizza assolutamene,soldi buttati
Se fai cicloturismo con molti tratti sterrati in pianura,alla sera le tue braccia e polsi ti ringrazieranno......
Ciao
Avatar utente
dogri
Moderator
Moderator
Messaggi: 487
Iscritto il: 3 mar 2014, 7:23
Località: Sanremo

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da dogri »

Io lascerei perdere la biammortizzata e su una delle tue bici monterei una buona forcella ammortizzata senza svenarmi, escursione non chilometrica e possibilità di bloccarla sono requisiti sufficienti per velleità non agonistiche.
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

miles ha scritto: 30 nov 2020, 0:07 Marcello io ho quello della Redshift:se lo usi fuoristrada in assetto mob (discese impegnative)non ammortizza assolutamene,soldi buttati
Se fai cicloturismo con molti tratti sterrati in pianura,alla sera le tue braccia e polsi ti ringrazieranno......
Ciao
Ah, bene, abbiamo uno che l'ha provato. E raccontaci, continui ad usarlo in viaggio? Avverti la differenza tra l'averlo e il non averlo? Immaginavo che su percorsi più impegnativi poteva fare poco, ma anche se consente solo di riposare i polsi in viaggio può valere la pena acquistarlo
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

dogri ha scritto: 30 nov 2020, 8:32 Io lascerei perdere la biammortizzata e su una delle tue bici monterei una buona forcella ammortizzata senza svenarmi, escursione non chilometrica e possibilità di bloccarla sono requisiti sufficienti per velleità non agonistiche.

Lo farò senza dubbio, ma sai com'è, alla voglia di sperimentare non si comanda. Tu viaggi con il trapano nella borsa, dovresti capirmi :D
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

ciquta ha scritto: 29 nov 2020, 21:38 a me personalmente quei marchingegni non piacciono molto, io ho risolto con forcella in carbonio e reggisella titanio... entrambi ammortizzano bene, riducono il peso e non vanno manutenzionati
Sulla bici da viaggio precedente avevo una forca in carbonio da ciclocross, mi stai dicendo che quella ammortizzava più di quella in acciaio che ho ora?
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
dogri
Moderator
Moderator
Messaggi: 487
Iscritto il: 3 mar 2014, 7:23
Località: Sanremo

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da dogri »

uhm a me personalmente il carbonio non piace, sarà cosa rara ma si rompe senza avvertirti, dal dentista ci vado già abbastanza anche senza cercare uteriori stimoli. Si. il carbonio ammortizza. Più dell'acciaio? Non so, ma se la differenza è rilevabile solo con gli strumenti...
Il fatto che ora lo montano tutti non significa granchè, semplicemente le linee produttive si sono adeguate alla moda/tendenza del momento, e una volta ammortizzati i costi iniziali tanto vale proseguire lì fino alla prossima diavoleria. Chissà perchè l'unico materiale che sopravvive ad ogni moda è l'acciaio! Da una vecchia MTB anni 90 con una spesa contenuta ci si ricava una bici da viaggio non indifferente. Vero Marco? Io ho ancora un paio di telai da allestire, ma poi che ci faccio?
Avatar utente
ciquta
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 701
Iscritto il: 21 giu 2015, 18:28

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da ciquta »

Marcello ha scritto: 30 nov 2020, 11:58
ciquta ha scritto: 29 nov 2020, 21:38 a me personalmente quei marchingegni non piacciono molto, io ho risolto con forcella in carbonio e reggisella titanio... entrambi ammortizzano bene, riducono il peso e non vanno manutenzionati
Sulla bici da viaggio precedente avevo una forca in carbonio da ciclocross, mi stai dicendo che quella ammortizzava più di quella in acciaio che ho ora?
Boh sarà che il carbonio l'ho avuto solo sulle 29 mentre con l'acciaio solo 28 (quindi 8cm più corte), ma mi sembra che ammortizzi parecchio di più il carbonio. Certamente è più veloce nel piegarsi e rientrare, quindi senz'altro è più efficace.

La forcella in carbonio io non l'avrei mai presa, me la sono ritrovata su una Fargo usata ed è stata una gran scoperta, l'ho messa su tutte le bici che ho avuto in seguito.
miles
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 161
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da miles »

Marcello ha scritto: 30 nov 2020, 11:52 [quote=miles post_id=78731 time=<a href="tel:1606691227">1606691227</a> user_id=5968]
Marcello io ho quello della Redshift:se lo usi fuoristrada in assetto mob (discese impegnative)non ammortizza assolutamene,soldi buttati
Se fai cicloturismo con molti tratti sterrati in pianura,alla sera le tue braccia e polsi ti ringrazieranno......
Ciao
[


Ah, bene, abbiamo uno che l'ha provato. E raccontaci, continui ad usarlo in viaggio? Avverti la differenza tra l'averlo e il non averlo? Immaginavo che su percorsi più impegnativi poteva fare poco, ma anche se consente solo di riposare i polsi in viaggio può valere la pena acquistarlo

Io l’ho trovato sulla bici da cicloturismo assai valido....facendo anche pezzi di sterrato allevia veramente la fatica degli arti superiori.
Io l’ho acquistato perché avevo un problema alla spalla e pensavo potessi in parte risolverlo: questo non lo ha fatto ,però ho avuto giovamento sui polsi e gli avambracci.È fornito con degli ammortizzatori di elastomero numerati, che,in base al peso del ciclista vanno inseriti all’interno del corpo manubrio.Attenzione alla vite di chiusura,ci vuole un secondo per spanarla.Per completamento ho pure montato un canotto sella ammortizzato della sontour....be insomma quando viaggio sono in poltrona :D
Se hai molto peso bagagli sull’anteriore,fa il suo dovere ammortizzando anche tutte le microbuche di asfalti poco curati.
Ciao
miles
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 161
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da miles »

....ops sorry....gli elastomeri vanno inseriti all’interno del corpo pipa manubrio.....
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

Grazie Miles, ci ragiono un po' e poi decido. Figurati che ne ho disegnato uno nuovo e pensavo di andare in officina da un amico meccanico per realizzare il prototipo. Intanto però potrei provare quello che trovo in commercio.
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
miles
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 161
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da miles »

Marcello,quello che ho io è un po’ caro come prezzo però è ben robusto e mi da sicurezza....farlo in officina,io non me la sentirei,se si spezza in discesa(a me è capitato scendendo dal passo sella,)sono guai.Il giorno dopo visto che avevo solo bruciature sulle gambe,ma niente fratture sono andato in chiesa ad accendere un centinaio di candele :D
Per la cronaca se può servire era una pipa manubrio della Modolo.
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

:lol: :lol: :lol: :lol: anche le candele servono
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
Pom
Utente Lev1
Utente Lev1
Messaggi: 61
Iscritto il: 26 dic 2016, 11:38
Località: Galliate (No)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Pom »

Aggiungo che le candele servono sempre e anche tutti gli aiuti possibili.... :) e un po' di c...o... :D :D :D . Ma eventuali borse sul manubrio non aggiungono peso e quindi questo sistema di molle ideato per un peso del solo ciclista non sono sovraccaricate e quindi inutili?
Ps...speriamo che questo forum riparta oltre alla possibilità di iniziare a girare :lol:
Antonio
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 949
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Marcello »

Pom ha scritto: 3 dic 2020, 12:54 Aggiungo che le candele servono sempre e anche tutti gli aiuti possibili.... :) e un po' di c...o... :D :D :D . Ma eventuali borse sul manubrio non aggiungono peso e quindi questo sistema di molle ideato per un peso del solo ciclista non sono sovraccaricate e quindi inutili?
Ps...speriamo che questo forum riparta oltre alla possibilità di iniziare a girare :lol:
Ottima osservazione!! Quindi l'attacco ammortizzato della RedShift non è l'ideale per chi come me porta borse al manubrio. In teoria il sovraccarico iniziale della borsa può essere compensato scegliendo l'elastomero giusto, ma capisco l'obiezione. Devo lavorare alla mia idea di un manubrio che ruota all'interno dell'attacco manubrio ammortizzando la rotazione con un paio di molle a torsione.
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
miles
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 161
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da miles »

Marcello ha scritto: 3 dic 2020, 14:30 [quote=Pom post_id=78770 time=<a href="tel:1606996466">1606996466</a> user_id=5101]
Aggiungo che le candele servono sempre e anche tutti gli aiuti possibili.... :) e un po' di c...o... :D :D :D . Ma eventuali borse sul manubrio non aggiungono peso e quindi questo sistema di molle ideato per un peso del solo ciclista non sono sovraccaricate e quindi inutili?
Ps...speriamo che questo forum riparta oltre alla possibilità di iniziare a girare :lol:


Ottima osservazione!! Quindi l'attacco ammortizzato della RedShift non è l'ideale per chi come me porta borse al manubrio. In teoria il sovraccarico iniziale della borsa può essere compensato scegliendo l'elastomero giusto, ma capisco l'obiezione. Devo lavorare alla mia idea di un manubrio che ruota all'interno dell'attacco manubrio ammortizzando la rotazione con un paio di molle a torsione.
Esatto,hai 5 elastomeri in base al peso del ciclista e in base alla piega manubrio che usi(il peso caricato su una drop bar cambia perché sei in posizione diversa rispetto ad una piega da mtb).....all’interno della scatola della pipa,c’è un ottima spiegazione in base ai pesi( visto quel che costa ,almeno quello)....fai due conti e il gioco è fatto.
Cicloturista 54
Utente Lev0
Utente Lev0
Messaggi: 1
Iscritto il: 12 apr 2021, 10:12

Re: Manubrio ammortizzato

Messaggio da Cicloturista 54 »

Io, da circa tre mesi, ho montato il Redshift su una Genesis Longitude, quindi flat. Non ci ho ancora fatto viaggi di più giorni, vista la situazione in cui ci troviamo, ma solo percorsi misti di max 130 km con vari tipi di gomme, 27.5x2.8, 28x1.1, 28x1.65, 29x2.25, le braccia ringraziano anche se penso che parte del merito sia anche del mio biomeccanico che mi ha messo in sella veramente bene. Ho deciso che per viaggiare, stò aspettando di partire per la Sicilia, userò ruote 29x2.25, ho visto che è la combinazione che si comporta meglio, forse per merito delle Schwalbe Smart Sam Plus, pesanti ma molto scorrevoli al contrario delle WTB da 27.5x2.8, veramente inchiodate a terra. Per il reggisella, ho preferito optare per un telescopico con comando sottosella per potermi togliere d'impiccio in qualche discesa, visto che sono abbastanza basso di statura...😬
Rispondi