... oKKio al Watt !

Ciclocomputer, illuminazione, manutenzione...
miles
Utente Lev1
Utente Lev1
Messaggi: 56
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da miles »

Ok credo di aver capito...Quindi per puntare a qualcosa di meglio,su quale attrezzatura dovrei puntare?
Grazie mille
Avatar utente
corrado.turri
Utente Lev5
Utente Lev5
Messaggi: 2212
Iscritto il: 7 giu 2009, 21:50
Contatta:

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da corrado.turri »

miles ha scritto: 27 ago 2020, 1:06...su quale attrezzatura dovrei puntare?
Mi verrebbe da dirti: sostituisci l'e-werk con il forumslader ... però prima leggi qui sotto:

Anche se costituita da tre pezzi (dinamo/e-werk/batteria) la tua configurazione è buona, né più né meno la stessa che usavo io.
Poi un giorno ho scoperto lo Zzing e così invece di tre pezzi sono arrivato ad usarne solo due (dinamo/Zzing, quest’ultimo con batteria integrata da 2600mAh).
Ultimamente volevo cimentarmi pure nell’uso del tanto decantato “Forumslader” al posto dell’ e-werk ma ho purtroppo commesso un grosso errore: ho ordinato il “Forumslader” in versione semiassemblata senza rendermi conto che il circuito stampato che avrei dovuto completare è di fatto miniaturizzato e io non sono in grado di lavorare su cose così piccole. Sarebbe servita una stazione di saldatura professionale con tanto di punte miniaturizzate e lente d’ingrandimento per fare tutta l’operazione.
Per finire ho anche rispolverato certi miei momenti di viaggio in cui avrei francamente preferito non avere affatto la dinamo … e così, almeno per il momento, eccomi all’essenziale powerpack … DOTATO PERO’ di porta USB-C.

Immagine Immagine
Immagine
miles
Utente Lev1
Utente Lev1
Messaggi: 56
Iscritto il: 25 dic 2019, 19:54

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da miles »

Corrado,faro' tesoro dei tuoi suggerimenti,e mi mettero' in pari(visto che sono arrivato da poco su questo forum,sperando che non si chiuda....) con questo interessante argomento che hai aperto.Materia molto interessante,anche se mi mancano le basi per capire tutto cio',vedo di fare un tentativo per riuscirci.
ciao grazie mille
Avatar utente
corrado.turri
Utente Lev5
Utente Lev5
Messaggi: 2212
Iscritto il: 7 giu 2009, 21:50
Contatta:

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da corrado.turri »

Sono sempre stato un grande sostenitore di dinamo e co. ... ma ... vale ancora veramente la pena averlo?
Prossimamente proverò a farne un'analisi completa ... d'altra parte i tempi cambiano e tante cose vanno per forza riviste.
Voi che ne dite?
Immagine
marco.soardi
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 259
Iscritto il: 3 feb 2008, 21:42
Località: brescia

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da marco.soardi »

Aspetto le tue sempre utili e interessanti considerazioni.
Per conto nostro in tandem riteniamo irrinunciabile la dinamo e il relativo faro anteriore,qui link casa madre e distributore per l'Italia,Francesco Mognetti,caro amico e randonneer di prim'ordine.
https://nabendynamo.de/
https://www.mognettibike.it/
L'anno passato,un esempio tra i tanti,durante una 600 km per la qualifica alla Parigi-Brest-Parigi,abbiamo fatto la discesa da Passo Cimabanche tra Cortina e Villabassa, di notte in condizioni proibitive causa diluvio e nebbia diffusa,non parlando del freddo che è un'altra storia.
Visibilità sempre ai massimi livelli e sicurezza anche.
Per tutto il resto,e-werk,z-zing,abbiamo fatto tabula rasa,ora si gira con pack battery 10.000-12.000 mAh.
Faro posteriore questo in link
https://www.decathlon.it/luce-posterior ... 22808.html
Montato sotto il canotto sella non imbarca acqua,funziona bene anche se livello IP non sufficiente,costa una quisquilia e rende come merce blasonata da prezzi siderali.
Vantaggio per noi non trascurabile,non è ricaricabile USB,ma con due batterie cr2032 e ci garantisce 30 h di autonomia,la cosa che ci serve e che nessuna ricaricabile usb di quelle dimensioni offre.
Ergo,tutte le soluzioni efficaci in tal senso sono le benvenute.
Un saluto a tutti quanti.
Armida e Marco.
Avatar utente
corrado.turri
Utente Lev5
Utente Lev5
Messaggi: 2212
Iscritto il: 7 giu 2009, 21:50
Contatta:

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da corrado.turri »

TEMPI DI RICARICA SUPERVELOCI, una vera rivoluzione per tutti quei cicloviaggiatori che non si sono mai adattati all’uso di dinamo o tantomeno rassegnati all’utilizzo di pile ricaricabili.
Oggi, più che uno standard, c’è infatti l’USB Power Delivery (USB PD) che null’altro è che una linea guida di ricarica rapida “aperta” capace di stabilire regole precise tra “dispositivo caricatore” e “dispositivo da ricaricare” utilizzando una forma di “negoziazione reciproca” capace di adattare, e dunque adottare in tempo reale, trasmissioni di potenza a valori variabili fino a 20V/5A/100W!
L’USB PD lascia tuttavia la libertà ai vari costruttori di implementare “protocolli proprietari” in cui TUTTI i dispositivi collegati devono rigorosamente rispettare la stessa specifica.
Ne è un esempio il Qualcomm QC (nella foto qui sotto il Quick Charge 3.0) che con modalità totalmente automatiche può adattare i propri parametri di trasferimento di potenza fino a 18W (5V/3A – 9V/2A – 12V1.5A) … molto distanti dai 5V-500mA (2,5W) a cui l’USB “storico” ci aveva abituati!!
UN ESEMPIO:
Un powerpack da 20000mAh (74Wh) avrà un tempo di ricarica di circa 4 ore!! .,.. non male direi!!

Immagine
Immagine
Avatar utente
corrado.turri
Utente Lev5
Utente Lev5
Messaggi: 2212
Iscritto il: 7 giu 2009, 21:50
Contatta:

Re: ... oKKio al Watt !

Messaggio da corrado.turri »

Qualcuno ha giustamente osservato: ma un ciclo di carica eccessivamente rapido non danneggia il dispositivo in carica? In effetti accelerare la carica agendo esclusivamente su una maggior corrente NON E’ DI CERTO COSA BUONA!! Ogni costruttore (Anker, Rav, ecc.) affronta il problema in modo diverso. La tecnologia Qualcomm, per esempio, gestisce la maggior potenza erogata agendo sulla tensione limitando la corrente a valori più accettabili (2A) evitando così il surriscaldamento del filo e possibili effetti dannosi sulle batterie in carica. Nello specifico il metodo è chiamato Dual Charge (o Parallel Charging) che utilizza due PMCI (circuito integrato di gestione dell'alimentazione) per dividere la potenza in due flussi separati sulle due batterie in carica.

Immagine
Immagine
Rispondi