Perché non una reclinata?

Discussioni sulla bici da viaggio in generale...
Rispondi
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

Apro questo nuovo post per rispondere a Giovanni che mi ha chiesto info sulla reclinata in altro post.


Ciao Giovanni, nessun problema, apriamo un post nuovo per parlare di reclinate. Ci sono altri cicloviaggiatori che usano reclinate nei loro viaggi.
Reclinata, letteralmente gioie e dolori! Nel mio caso ha uno scopo ben preciso. Un'ernia a disco di nome L5S1 ogni tanto decide di tormentarmi e quando si fa viva non posso pedalare sulle bici verticali. Questi sono i dolori. Le gioie invece sono il poter pedalare comunque se salgo sulla reclinata. Ti dirò di più, secondo me è addirittura terapeutica. Quando sento le avvisaglie del tormento prendo la reclinata e mi faccio un giro di 70 km. Al rientro a casa mi sento meglio. Se L5S1 mi lascia tranquillo la reclinata è montata sui rulli per allenarmi in garage quando piove o fa troppo freddo.
Per quanto riguarda i viaggi che ti devo dire? E' un cavallo da lunghe distanze, puoi pedalare anche 150 km senza stancarti perché usi solo le gambe. Braccia, mani, collo e schiena vengono dietro senza fare fatica. Per contro è una bici da pianura, controvento dai dei punti a tutti perché è molto aerodinamica, ma in salita si va piano. Non è una bici da città perché ogni volta che ti fermi devi fermarti con i rapporti giusti altrimenti non riparti e comunque il ripartire non è così agevole. Al trike ho pensato tante volte e sai perché? Per avere rapporti più agili e per fare le curve in salita. Sulla reclinata sei seduto come sul sedile della macchina e l'equilibrio è dato unicamente dal movimento, se vai piano caschi. Inoltre per fare le curve devi piegare la bici, ma se non hai velocità la bici non si piega (se si piega caschi). Per fare le curve su salite dure devo fermarmi a metà curva, girare la bici e ripartire da fermo (in salita!!!). Ecco il vantaggio del trike, puoi andare piano quanto vuoi. Per contro è piuttosto bassino sulla strada e devi confidare nei buoni occhi degli autisti che ti raggiungono da dietro. Secondo me è fantastico su piste ciclabili.
In discesa con la reclinata ti sembra di essere su un aeroplano.... è fantastico.
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
ciquta
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 660
Iscritto il: 21 giu 2015, 18:28

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da ciquta »

interessante questa discussione

i numeri delle reclinate sono mostruosi... raggiunti i 133km/h e superati i 90km sul record dell'ora.

certo che leggendo la tua esperienza passa subito la voglia :D però sui percorsi adatti é letale, ho visto diversi cicloturisti in danimarca (tutta piatta, tutta ciclabile)

ma in salita a parte il discorso dell'equilibrio fanno davvero così pena?
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

Mah, spero che risponda anche qualche altro. Non vorrei aver dato una cattiva impressione delle reclinate.
La uso ogni tanto perché l'andare con una reclinata è particolarmente piacevole. Sei seduto in poltrona, io poi ho il manubrio sotto le gambe e quindi davanti ho tutto pulito, in discesa vai come un diavolo e piegandoti sulle curve tocchi quasi l'asfalto, sembra di scendere con un aeroplano. Un'altra caratteristica è quella di essere già praticamente a terra e quindi anche se caschi metti una mano giù e sei arrivato.
In salita vai con la speranza che ci sia il sole, sei lì, sali piano piano e prendi il sole. Per farti capire meglio: uscendo da casa mia c'è subito una salita, esco con la bici verticale, faccio 400 metri e rientro, poso la verticale e riparto con la reclinata facendo il solito gioco dei 400 metri e la differenza la sento subito. Non ho mai capito da che cosa dipende. E' vero che la reclinata è più pesante, ma il peso secondo me non può fare tutta quella differenza. C'è da dire che il reclutamento dei muscoli cambia di parecchio e forse la differenza sta lì. Forse è una questione di allenarsi a quel tipo di pedalata, ma non ti so dire di più.
I numeri che dai tu sono stati ottenuti con reclinate carenate, sulla pista non c'è storia. Altro vantaggio ce l'hai, e lo senti bene, se pedali contro vento.
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

Ecco qua la mia Dragon in viaggio. Giro del Peloponneso nel 2010.

Immagine
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
deftones209
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 405
Iscritto il: 16 nov 2009, 8:51
Località: Treviso

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da deftones209 »

Concordo con quanto detto da Marcello, la mia sotto in foto (sembra un poco sghemba in foto, ma é la prospettiva appunto).
Non l'ho usata tanto, l ho presa un paio di anni fa usata, quando avevo problemi grossi al soprasella, devo dire che la comoditá é impareggiabile.
Marcello tu la usi con gli attacchi sulle scarpe?
Per la salita, concordo che in parte é legato al peso, ma sopratutto é legato secondo me ai diversi muscoli che vengono utilizzati. Su un altro forum suggerivano infatti di fare almeno 1500 km prima di giudicare. Pare anche che ci siano modelli piu o meno adatti alla salta (in parte legato all'inclinazione del sedile, ma non solo).
E poi secondo me va adattato lo stile di pedalata, ovvero salire agile, non essendo possibile il fuorisella. Lo stesso problema lo ho avuto quest'anno, essendo uno che amava fare le salite di forza in fuorisella, abbiamo attraversato i balcani in tandem, alle prime rampe in croazia volevo buttarlo nel burrone invece dopo qualche giorno abituandosi a salire agili andava meglio. Io viaggi per ora no ne ho fatti. Confermo la prestazione buona in piano e discesa, un poco problematica sullo sterrato, e per me un po difficile da manovrare sullo stretto e in citta, tant'e che ho cambiato dal manubrio sotto al sedile a quello davanti, ora mi trovo meglio. Loro sono arrivati in asia in reclinata:
http://www.frogsonwheels.net/
Il trike a me non mi hai mai attirato, non so perche ma temo sia ancora pesante e lo trovo un poco ingombrante in citta e ad esempio sulle ciclabili.

Immagine
Avatar utente
ciquta
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 660
Iscritto il: 21 giu 2015, 18:28

Re: RE: Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da ciquta »

cavolo la tua ha proprio una poltrona!!
dev'essere comodissima
Marcello ha scritto:la differenza la sento subito. Non ho mai capito da che cosa dipende. E' vero che la reclinata è più pesante, ma il peso secondo me non può fare tutta quella differenza. C'è da dire che il reclutamento dei muscoli cambia di parecchio e forse la differenza sta lì.
oltre al peso della bici credo che sulla verticale giochi a favore il peso stesso della gamba che insiste sui pedali... sarebbe interessante approfondirlo
Avatar utente
ciquta
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 660
Iscritto il: 21 giu 2015, 18:28

Re: RE: Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da ciquta »

deftones209 ha scritto: Lo stesso problema lo ho avuto quest'anno, essendo uno che amava fare le salite di forza in fuorisella, abbiamo attraversato i balcani in tandem, alle prime rampe in croazia volevo buttarlo nel burrone invece dopo qualche giorno abituandosi a salire agili andava meglio.
io non faccio mai fuori sella, sempre seduto coi rapporti agili ... dici che per me potrebbe andare?

vorrei provarla ma non conosco nessuno che me la possa prestare (tantomeno una adatta alle mie gambe bislunghe :( )
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

deftones209 ha scritto: Marcello tu la usi con gli attacchi sulle scarpe?
Si, senza attacchi è rischiosa. Se ti scivola un piede e finisce sulla strada mentre magari sei in discesa sai che casino (mi è successo un paio di volte, per fortuna me la sono cavata solo con un bello spavento). Uso però pedali che hanno gli attacchi solo su una faccia. Quando entro in una città, quando sono nello stretto, sulle salite dure o comunque in ogni situazione che giudico precaria giro i pedali e vado senza attacchi.
deftones209 ha scritto: Su un altro forum suggerivano infatti di fare almeno 1500 km prima di giudicare.
Mah! Io 1500 km li ho fatti un paio di volte (giro del Peloponneso e giro della Sardegna). Alla fine del viaggio è chiaro che vai meglio perché sei ben allenato, ma questo accade anche con la bici verticale.
deftones209 ha scritto: Confermo la prestazione buona in piano e discesa, un poco problematica sullo sterrato, e per me un po difficile da manovrare sullo stretto e in citta, tant'e che ho cambiato dal manubrio sotto al sedile a quello davanti, ora mi trovo meglio.
Anche per me è un problema pedalare nello stretto e in città. E' una bici da ampi spazi, buona per le lunghe percorrenze. Non ho mai pensato di mettere il manubrio davanti, è vero che così sei più aerodinamico e manovri meglio, ma se pianti il naso della reclinata da qualche parte immagina un po' che cosa ci pianti sul manubrio :mrgreen:
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: RE: Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

ciquta ha scritto: vorrei provarla ma non conosco nessuno che me la possa prestare (tantomeno una adatta alle mie gambe bislunghe :( )
Questo è un altro piccolo problema. Sulle verticali alzi la sella e la regoli alla tua altezza. Sulla reclinata per allontanare i pedali dalla sella devi allungare la catena :shock: .. un po' perdona, ma non più di tanto.

Se vuoi provarla devi andare in un negozio che le vende, loro te la fanno provare. Io sono andato a Genova per provarla e poi l'ho acquistata da loro. Comunque se passi dalle mie parti fai un salto da me che ti faccio provare.
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
ls4giovanni
Utente Lev2
Utente Lev2
Messaggi: 168
Iscritto il: 19 ott 2012, 9:37

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da ls4giovanni »

il trike, immagino anch'io, abbia problemi sulle ciclabili. Sopratutto quando le chiamano tali, ma non lo sono. Andando in giro adesso mi chiedo se di lì ci passerei con il trike. Positivo al 85%.
Comunque il trike eviterebbe molti, se non tutti, i potenziali punti negativi che ha segnalato marcello. Il + grosso che resta è la visibilità verso i macchinisti. Tuttavia credo che con qualche bandiera ben visibile si possa migliorare la situazione.

Per la prova. Sul forum delle reclinate http://bicireclinateitalia.forumfree.it
si trovano i riferimenti di chi è disposto a farla provare.

:wink:
Oreste
Utente Lev0
Utente Lev0
Messaggi: 2
Iscritto il: 19 giu 2010, 22:23

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Oreste »

Ho una bici reclinata Slyway explorer da circa 10 anni e ne sono molto soddisfatto.
Concordo con quanto scritto da altri nei precedenti post,
Tra i pregi metterei al primo posto l'impareggiabile comodità ed il confort di viaggio. Al posto della sella vi è un vero e proprio soffice sedile che mi permette di pedalare comodamente per ore senza che il fondoschiena ne risenta.
Altri pregi sono la postura che assumo con la testa e lo sguardo rivolto naturalmente davanti verso l'orizzonte e non in basso, e fa si che mi permette di apprezzare i paesaggi che man mano si susseguono davanti ai miei occhi comodamente come su un divano.
Dicono che vada più veloce in pianura e più lenta in salita, sicuramente sarà così ma sono qualità che a me non interessano affatto, quindi non so dare un parere.
I limiti che ho potuto riscontrare sono una minore agilità nel traffico, partenze un po' più lente e forti limiti nello sterrato impegnativo.
Per quanto riguarda l'uso degli attacchi, i primi anni li utilizzavo spesso ma poi sempre pù raramente. Adesso non li utilizzo più, anzi conto di sostituire i pedali con quelli flat con i pin.

Oreste
Immagine
Avatar utente
Marcello
Utente Lev3
Utente Lev3
Messaggi: 897
Iscritto il: 24 gen 2009, 22:15
Località: Montescudaio (Pi)

Re: Perché non una reclinata?

Messaggio da Marcello »

:D :D :D
... è l'uomo che fa il viaggio o è il viaggio che fa l'uomo?
Rispondi