Danimarca 2019

  /  Danimarca 2019
12 Novembre, 2020

Danimarca 2019

Ciao sono E., oggi è l’ultimo giorno prima della vacanza in bicicletta.

Il mio papà ha già spedito le bici dieci giorni fa e sono già arrivate prima di noi.

Oggi sono eccitata perché a me e alla mia famiglia piacciono molto i giri in bici ma sono anche un pò terrorizzata perché non so quello che faremo, non so dove andremo e poi quest’anno ho cambiato bici quindi non potrò più attaccarmi a papà quando sarò stanca, ma papà per tranquillizzarmi mi ha detto che quando sarò molto stanca ci fermeremo in un bel posto per riposare.

Aah, un’ultima cosa: da quest’anno in poi tutta la famiglia pedalerà insieme anche mia sorella perché è cresciuta. Le ho dato la mia bici vecchia così quando sarà stanca di pedalare si potrà agganciare alla bici di papà.

In questa vacanza non avremo né auto né casa viaggeremo solo con la bici e dormiremo in tenda nei campeggi in giro per la Danimarca.

Dobbiamo mettere tutto quello che ci serve nelle borse che attaccheremo alle bici così, mentre i genitori preparano le valigie, io in quattro giorni ho fatto tanti compiti e finito matematica perché non posso portare con me né libri né quaderni perché pesano quindi porterò solo questo diario e due libri da leggere sul Kindle di papà.

 

Partenza.

Stanotte alle due di notte papà mi ha tirato giù dal letto perché il nostro aereo partiva alle 7.00. Siamo andati all’aeroporto e come in ogni aeroporto succedono degli imprevisti: a noi è successo un imprevisto.

Mentre eravamo in fila per il controllo della carta d’identità la signora dell’aeroporto ci ha detto che c’era il temporale quindi non potevamo partire subito.

Quando capitano queste cose i miei genitori si preoccupano un pochettino ma alla fine siamo riusciti a salire sull’aereo e partire.

In volo io e mia sorella abbiamo dormito per tutto il tempo e quando ci siamo svegliate l’aereo stava per atterrare. Quando siamo usciti dall’aeroporto abbiamo preso il treno che porta a Copenaghen.

Durante il viaggio in treno penso a quello che succederà: sono troppo emozionata al pensiero di montare la tenda!

Siamo arrivati a Copenaghen io, mamma e mia sorella siamo andate al parco mentre papà è andato a montare le biciclette. Dopo due ore abbiamo raggiunto papà e tutti insieme con le bici abbiamo pedalato un’ora per raggiungere il campeggio dove c’era un parco giochi con due gonfiabili: abbiamo saltato molto e ci siamo divertite.

 

08/08/2019

Oggi mi sono svegliata molto tranquillamente; sto così bene dentro il sacco a pelo ma la mamma mi ha trascinato fuori. Dopo aver fatto colazione abbiamo lasciato le bici vicino alla tenda e siamo andati a prendere il treno per visitare il centro di Copenaghen.

Oggi non si pedala si va solo a piedi. Abbiamo visto tanti bei castelli e siamo andati in giro per le viuzze della città prendendo un po’ di pioggia sulla testa. La ricerca di un posto dove mangiare è stata un po’ difficile perché io e mia sorella eravamo molto stanche e morivamo di fame infatti appena siamo entrati in un piccolo ristorante siamo andate subito ad ordinare!

Poi abbiamo visto altre cose e siamo tornati al campeggio in treno. Abbiamo cenato subito perché domani partiamo presto ma questo è un altro giorno…

 

09/08/2019

Oggi finalmente inizia l’avventura!

Questa mattina ci siamo svegliati presto per prendere il treno. Dopo 4 ore di viaggio eravamo tutti felicissimi di montare in sella e partire. Abbiamo pedalato per 10 km in mezzo alla campagna danese dove ci sono tantissime colline e siamo andati su e giù: su in salita e giù in discesa velocissimi.

Per tutta la strada abbiamo avuto il mare di fronte: molto bello.

Siamo arrivati al campeggio dove io e mia sorella abbiamo aiutato papà a sistemare la tenda e dopo con mamma abbiamo giocato a minigolf. Abbiamo quindi iniziato con un viaggio in treno di 4 ore e abbiamo finito col minigolf!

 

10/08/2019

Che notte terribile! Stanotte ha piovuto tantissimo.

Io non riuscivo ad addormentarmi perché le gocce di pioggia battevano sulla tenda e il vento scuoteva tutto e poi ero un po’ preoccupata per le bici ma papà mi ha rassicurato: le bici non patiscono la pioggia. A questo punto ero molto più tranquilla così mi sono addormentata.

Al mattino mi sono svegliata faticosamente ma poi ce l’ho fatta. Dopo colazione siamo partiti e dopo mezz’ora ci siamo ritrovati in una brughiera dove c’erano delle dune di sabbia ricoperte di erica; questa pianta si trova spesso nei paesi del nord.

La strada a volte era sterrata ma avevamo il vento dietro che ci spingeva così non abbiamo fatto fatica e poi eravamo vicino al mare quindi c’era anche un bellissimo panorama.

Dopo un po’ che pedalavamo siamo entrati in un bosco molto fitto e molto bello dove si procedeva su e giù e a zig zag comunque era molto divertente ma poi hanno iniziato a scendere un po’ di goccioline perciò ci siamo messi la giacca per la pioggia e abbiamo continuato. Quando siamo usciti dal bosco finalmente siamo arrivati al campeggio dove i miei genitori hanno montato la tenda per dormire e per prepararsi ad un’altra avventura.

 

11/08/2019

Stamattina ci siamo svegliati con la pioggia e non sapete quanta fatica ci abbiamo messo per partire: ci siamo messi strati su strati per non bagnarci!

Abbiamo iniziato a pedalare e dopo poco ci siamo ritrovati in mezzo alla brughiera con tante bellissime dune di sabbia coperte di erica viola.

Poi per un bel pezzo di strada il vento dietro la schiena mi spingeva tanto che per un tratto non ho pedalato e sono andata ai 15 km all’ora e forse anche di più! 

Alla fine però ero molto stanca perciò anche papà mi spingeva così andavo velocissima e abbiamo pedalato fino ad un campeggio dove ci siamo riposati.

 

12/08/2019

Oggi mentre pedalavo ho notato che questi boschi sono su tante colline invece i boschi che ho visto in Italia sono o su pianura o su montagna.

Una cosa che non vi ho ancora detto è che oggi per quasi un’ora abbiamo pedalato sotto la pioggia e che dopo abbiamo fatto una salita ripidissima con successivamente una discesa e siamo andati ai 40 chilometri all’ora. Un po’ di fifa ce l’avevo ma mi stavo divertendo così tanto che non volevo perdere quel momento.

Prima di arrivare al campeggio abbiamo fatto un po’ di sterrato e siamo andati a vedere il mare. Sulla spiaggia abbiamo raccolto le conchiglie ma prima di ripartire le ho seppellite tutte tranne una molto bella scelta da mia sorella che l’ha portata via.

Quando siamo arrivati al campeggio noi eravamo un po’ stanche ma non ce ne importava niente e siamo andate a giocare. Questo campeggio ha un difetto: è un labirinto!

 

13/08/2019

Oggi ho provato un’esperienza grandissima.

Siamo andati con le bici in spiaggia e abbiamo pedalato per quasi tutta la costa sulla sabbia dura. Il vento era forte e sollevava la sabbia più fine facendola volare rasoterra verso le dune contribuendo a farle diventare più grosse.

La spiaggia era larghissima e si estendeva a perdita d’occhio e c’era pochissima gente. Ogni tanto passava un’auto e qualche volta dovevo fare un guado ma per fortuna c’era veramente poca acqua. In tutto abbiamo pedalato sulla spiaggia per 10 km.

 

14/08/2019

Oggi siamo andati a vedere un faro molto particolare. Si trova su una montagna di sabbia e per raggiungerlo abbiamo lasciato le bici giù e siamo saliti a piedi sulla duna più alta fino al faro. C’era tanto vento ma il panorama era fantastico.

Si vedeva la spiaggia che abbiamo percorso ieri. I fianchi delle dune sono ripidi e la sabbia è finissima e con mia sorella abbiamo giocato a saltare e a correre sulla sabbia. Anche questa sera siamo arrivati in un campeggio bellissimo con la piscina spaziosa.

 

15/08/2019

Oggi è stata una tappa molto faticosa abbiamo avuto il vento sempre contro e abbiamo pedalato per più di 40 km. Siamo andati a vedere la duna mobile più grande d’Europa. Questa duna si sposta di 15 metri all’anno e tra qualche secolo raggiungerà il mare distruggendo tutto quello che incontra sulla sua strada. Il paesaggio mi ricorda la luna e sembra di essere in un deserto. La sabbia finissima è dappertutto. Abbiamo saltato sulle piccole dune ripidissime e riempito un sacchetto di sabbia da portare a casa come ricordo. In campeggio c’era la piscina con lo scivolo e la vasca piccola calda con le bolle.

 

16/08/2019

Oggi siamo arrivati alla fine della Danimarca ma andiamo con ordine.

Oggi la gita è stata un po’ corta: siamo a vedere una chiesa di cui rimane solo la torre. Una volta era un monastero ma fu abbandonato perché continuava ad essere invaso dalla sabbia. Poi siamo arrivati nel campeggio di Skagen dove abbiamo montato la tenda ma non è ancora finita. Dopo siamo andati a vedere la punta più a nord della Danimarca dove i due mari, quello del nord e il Baltico, si uniscono e abbiamo camminato su una lunga spiaggia che si restringe fino a scomparire. La cosa più emozionante sono le onde che si scontrano.

 

17/08/2019

Oggi è stata una giornata meravigliosa siamo andati a giocare in due posti diversi: Lego House e Legoland.

Lego House è come Legoland solo che è al chiuso e lì si possono far tante cose tipo costruire le macchinine e poi a fare le gare di corsa con gli altri bambini.

Volete sapere qual è stato il mio gioco preferito? Quello delle case che consiste nel costruire la tua casa e inserirla nella casella che vuoi tu così da creare una cittadina insieme alle altre case.

Siamo andati a Legoland dove ci sono tante città in miniatura, le macchine, le barche galleggiare e il trenino tutti fatti di Lego.

 

18/08/2019

Oggi siamo andati a visitare il museo dei Vichinghi. Abbiamo visto delle navi distrutte perché una volta i vichinghi avevano affondato le navi di proposito per costruire una barriera. Nel museo ci sono anche delle navi finte dove i bambini possono salire per giocare alla navigazione indossando i costumi da vichingo.

Dopo siamo andati nel laboratorio delle barche dove abbiamo costruito due barchette di legno.

 

19/08/2019

Oggi è stata la giornata più lunga e più faticosa di tutte.

La strada era quasi sempre sterrata con tante colline e quindi andavamo su e giù ma per fortuna c’è stato sempre sole, speriamo anche domani. Non ricordo il panorama perché sono stata sempre concentrata sul percorso. Ricordo però che alla fine siamo entrati in un bosco molto fitto dove abbiamo visto due caprioli.

 

20/08/2019

Oggi la giornata non è stata interessante così vi racconterò come funzionano in genere le nostre giornate. Al mattino ci svegliamo intorno alle ore 8 e andiamo a fare la colazione dopo io e mia sorella andiamo al parco giochi dei campeggi, che sono sempre belli, e mentre mamma e papà lavano i piatti e smontano la tenda poi quando hanno finito ci vengono a chiamare e con le bici ripartiamo per la tappa successiva. Durante la giornata pedaliamo e quando iniziamo ad avere un po’ di fame ci fermiamo e facciamo merenda. Per il pranzo cerchiamo una panchina al riparo dal vento e poi nel pomeriggio pedaliamo ancora fino al campeggio dove prendiamo posto e mentre papà e mamma montano la tenda io e mia sorella andiamo a scoprire il nuovo parco giochi. Di solito in media facciamo 40 km e pedaliamo per tre o quattro ore.

 

21/08/2019

Oggi siamo andati a vedere tre castelli. Frederiksborg è il più grande della Danimarca ed è in mezzo a un lago un po’ torbido. Appena entrati abbiamo visto una fontana grandissima e quando alzando lo sguardo ho visto le tegole verde acqua perché erano fatte di rame. Mamma mi ha detto che una volta quelle tegole erano marroncine ma col tempo sono diventate verdi.

Il secondo Castello si chiama Rosenborg dove vive la regina della Danimarca e per questo è sorvegliato dalle guardie.

Il terzo Castello si chiama Kronborg dove è stato ambientato il film intitolato Amleto. E’ vicino al mare e da lì partono le navi per andare in Svezia ma questo castello lo vedremo domani.

 

22/08/2019

Oggi si finisce la vacanza con la visita al castello di Amleto. Qualche volta andando in giro per il castello abbiamo incontrato i personaggi che fanno le parti della trama. Abbiamo visto anche il fantasma del padre di Amleto ma la cosa che mi ha divertito di più è stato il teatro dei burattini di Amleto.

 

Questo viaggio mi è piaciuto perché abbiamo pedalato insieme con tutta la mia famiglia, abbiamo visto cose molto belle e siamo stati in un posto dove non eravamo mai andati.

A me piace viaggiare in bicicletta perché puoi fermarti quando vuoi e andare dove vuoi, divertirti in discesa, sentire l’aria fresca e il sole caldo.

La cosa che mi ha emozionata è stato Lego House perché ho costruito tante cose, ho giocato molto ma soprattutto mi sono divertita.

Mi è piaciuto anche vedere i due mari che si incontrano nella punta della Danimarca.

La vacanza si è conclusa con 460 chilometri pedalati.

Quello che non mi è piaciuto molto sono stati il vento contro e la pioggia in faccia perché mi stancavo facilmente e poi di notte quando la tenda mi sbatteva addosso.

La prossima volta farò sicuramente un viaggio in bicicletta con i miei genitori e mia sorella e spero di essere più fortunata con il tempo.

Valerio Depau,